Area Marina
h1.jpg
Diporto nautico

Con il termine "diportismo" si intende la navigazione da diporto; secondo il Decreto Legislativo n. 171 del 18 luglio 2005 (Codice della Nautica da Diporto e attuazione della direttiva 2003/44/CE a norma dell'articolo 6 della legge 8/07/2003 n. 172) i mezzi atti alla navigazione si suddividono in:

a) unità da diporto: ogni costruzione di qualunque tipo e con qualunque mezzo di propulsione destinata alla navigazione da diporto;

b) nave da diporto: ogni unità con scafo di lunghezza superiore a 24 m;

c) imbarcazione da diporto: ogni unità con scafo e lunghezza superiore a 10 m e fino a 24m;

d) natante da diporto: ogni unità da diporto con remi o con scafo di lunghezza pari o inferiore a 10m.

Per le imbarcazioni e le navi da diporto è obbligatoria l'iscrizione sui registri tenuti dalle Capitanerie di Porto.


 

Gli impatti del diporto nautico

L'attività da diporto, associata all'incremento della pressione turistica, ha molte interazioni con l'ambiente circostante.

La Liguria è la regione con il maggior numero di posti barca (circa 23.500), pari al 26% del totale nazionale.

Il bacino ligure è uno dei più frequentati dai diportisti del Mediterraneo, sia locali sia in transito.

Fra i più importanti impatti del diporto sull'ambiente ricordiamo gli ancoraggi, il rilascio di rifiuti e di acque di scarico in mare.

Leggi tutto...

Video "Il disturbo antropico - Impatti degli ancoraggi sulle praterie di Posidonia"; Regione Liguria e Osservatorio Ligure Pesca e Ambiente, Genova, 2008

http://www.ambienteinliguria.it/eco3/ep/video/Video_Mare/mare.swf

Per approfondimenti sull'argomento:

- Gestione sostenibile del diportismo in Mar Ligure: l'impronta ecologica (tesi di Lurea specialistica in Scienze ambientali anno accademico 2008-2009, Università degli Studi di Genova).

- Progetto GESINPORT www.gesinports.nautiweb.it

- Organizzazione FEPORTS www.feports-cv.org

- Fondazione ECOPORTS www.ecoports.com

 

 


 

"Decalogo del diportista responsabile"


 

Il diporto nell'AMP

 

 


Area "No Ancoraggio" in Zona C

La Delibera di Giunta Comunale n. 82 del 4/08/2009 "Regolamentazione, in via sperimentale, della gestione dell’attività NAUTICA in zona B e in zona C dell’Area Marina Protetta (AMP) Isola di Bergeggi” individua gli  specchi acquei dove non è consentito l’ancoraggio ai fini della tutela delle biocenosi sensibili.

 

In via sperimentale sono vietati gli ancoraggi alle unità navali nella porzione occidentale della zona C dell’AMP (a ovest dell’Isola) nel tratto di mare delimitato dai seguenti 4 punti di coordinate geografiche (riferite al Sistema geodetico mondiale WGS 84):

punto 1: 44° 14’ 14” N; 8° 26’ 32” E;
punto 2: 44° 14’ 16” N; 8° 26’ 21” E;
punto 3: 44° 13’ 58” N; 8° 26’ 21” E;
punto 4: 44° 13’ 58” N; 8° 26’ 32” E.

La latitudine dei punti 3 e 4 è la stessa dell'allineamento delle boe denominate V e U della zona A, in moto che si possano usare per individuare la zona di ancoraggio vietato.

 


 

"Area No Transito"

La Delibera di Giunta Comunale n. 82 del 4/08/2009 "Regolamentazione, in via sperimentale, della gestione dell’attività NAUTICA in zona B e in zona C dell’Area Marina Protetta (AMP) Isola di Bergeggi” definisce il transetto rettangolare di interdizione al transito delle unità navali dal 1 maggio al 30 settembre, ad eccezione dei natanti condotti a remi e pedali nel tratto di mare compreso tra l’Isola di Bergeggi e la costa prospiciente.

In via sperimentale si definiscono le dimensioni e posizione del poligono (istituito all’art. 14 comma 7 del Regolamento di esecuzione ed organizzazione dell'AMP “Isola di Bergeggi”) delimitandolo dai seguenti 4 punti di coordinate geografiche (riferite al Sistema geodetico mondiale WGS 84):

punto 1: 44° 14’ 15,806” N; 8° 26’ 34,043” E;
punto 2: 44° 14’ 06,638” N; 8° 26’ 40,600” E;
punto 3: 44° 14’ 05,897” N; 8° 26’ 38,626” E;
punto 4: 44° 14’ 14,336” N; 8° 26’ 32,602” E.

 


 

Riassumendo...

 


 

 

L'AMP

Un cono di roccia calcarea, ricoperto da macchia mediterranea; i fondali di coralligeno e praterie di Posidonia oceanica; l’area costiera delle falesie ricche di grotte e piccole insenature: ecco l’Area Marina Protetta “Isola di Bergeggi”, uno scrigno di biodiversità, storia e leggenda. >>>>

Attività

Un piccolo paesino arroccato sulle pendici del Monte Sant’Elena; viottoli che si srotolano verso il mare; spiagge con mare trasparente e ricchissimo che offre un ambiente ideale per immersioni, snorkeling, nuoto, vela, windsurf, canoa, pesca, escursioni … e non solo. >>>>

Informazioni

Eventi, news, fotogallery ... tutto quello che c'è da sapere sull' Area Marina Protetta e qualche idea per il tuo tempo libero. >>>>